Autorizzazione all’uso dei cookie

Tu sei qui

Regolamento d'Istituto

Il Regolamento d’Istituto fissa le modalità, gli spazi, i tempi di azione degli studenti, stabilisce le regole che garantiscano il rispetto dei diritti e dei doveri da parte di tutte le componenti scolastiche e provvede alle sanzioni.
Il Regolamento d’Istituto è strettamente legato al Piano dell’Offerta Formativa del quale costituisce norma e garanzia di attuazione.
PTOF e Regolamento sono strumenti fondamentali per delineare un sistema di regole condiviso nell’ambito dell’autonomia scolastica.
Il Regolamento è stato approvato dal Consiglio d'Istituto il 10.02.2017 con delibera n. 23.

 
Ingresso/uscita

  • Gli alunni devono arrivare puntualmente a scuola dove sono accolti dai docenti nell'atrio o nelle classi  e/o sezioni a seconda delle disposizioni previste nei singoli plessi.
SCUOLA SEZIONI/CLASSI ORARIO
INFANZIA 11 sezioni a tempo ordinario
(40 ore settimanali)
Dal lunedì al venerdì ore 8.10-16.10
1 sezioni a tempo ridotto
(25 ore settimanali
a Bellavista)
Dal lunedì al venerdì ore 8.10-13.10
PRIMARIA Tutte le classi
(28 ore settimanali)
tranne IV B plesso Bellavista
Lunedì-Mercoledì-Giovedì-Venerdì
Ore 8.15-13.15
Martedì orario prolungato
ore 8.15-16.15
IV B plesso Bellavista
(34 ore settimanali)
Lunedì- Venerdì
Ore 8.15-13.15
Lunedì-Martedì-Mercoledì
Ore 8.15-16.15
SECONDARIA Tutte le classi
(30 ore settimanali)
Ore 8.00-14.00

 
Solo per il primo mese (settembre), per i neo iscritti della scuola dell’infanzia, sono concessi orari più flessibili di ingresso e di uscita, per facilitare l’adattamento scolastico e la serena integrazione con i pari.
Per il restante anno scolastico la flessibilità oraria per la Scuola dell’Infanzia è di 30 minuti sia in entrata che in uscita.
Per il primo mese di refezione (ottobre), i bambini di 3 anni possono essere prelevati entro le ore 14.30; in caso di sezioni omogenee e solo quando tutti i bambini vanno via, le docenti osserveranno il loro regolare orario con anticipo del turno pomeridiano alle ore 9.30.
Solo in casi particolari e con l’autorizzazione del D.S., il genitore potrà prelevare il proprio figlio prima dell’inizio della refezione scolastica alle ore 12.15 per un limite massimo di n. 8 permessi a quadrimestre.
Nei mesi di Settembre e Giugno le attività si svolgono in un unico turno antimeridiano, articolato secondo l’orario 8.10/13.10.
 

Ingresso Infanzia
8.10 Gli alunni sono accolti nell’atrio dai docenti
8.15 Gli alunni sono accompagnati dai docenti nelle aule
8.15 / 8.45 Gli alunni sono accolti accompagnati nelle aule dai collaboratori
Uscita Infanzia
15.40 / 16.00 Gli alunni sono prelevati dalle sezioni e consegnati ai genitori dai collaboratori
16.00 / 16.10 Gli alunni vengono accompagnati nell’atrio dai docenti e consegnati ai genitori
 
  • Tutti gli insegnanti devono trovarsi nella sede di servizio cinque minuti prima dell’orario dell’ingresso degli alunni.
  • I docenti della scuola dell’infanzia e primaria accolgono gli alunni all’ingresso e li conducono nelle rispettive sezioni/classi vigilando su di essi.
  • I docenti  della scuola secondaria devono trovarsi cinque minuti prima nelle aule e accolgono gli alunni al loro ingresso. Gli alunni ritardatari si recano  da soli in classe, vigilati dai collaboratori scolastici.
  • Gli alunni non possono uscire prima del termine delle lezioni se non per giustificati motivi e solo se prelevati dai genitori o da  loro delegati, purché maggiorenni, in possesso di autorizzazione scritta ufficialmente registrata e depositata presso gli uffici di segreteria.
  • I genitori o eventuali delegati dovranno spiegare le motivazioni che giustificano l’uscita anticipata, che sarà annotata su apposito registro compilato dal collaboratore scolastico e firmato dal referente di plesso. Per la Scuola Secondaria la ricevuta sarà consegnata al docente in classe che riporterà sul registro di classe l’ora dell’uscita anticipata.
  • L'uscita anticipata è un fatto eccezionale, contribuisce alla definizione del monte ore e non può ripetersi continuamente; le reiterate uscite anticipate potranno influire sulla valutazione del comportamento degli alunni e verranno conteggiate ore di assenze annuale. Esse non saranno consentite durante l’ultima ora, se non per eccezionali motivi (visite mediche certificate, terapie…). Gli alunni che seguono terapie riabilitative e di sostegno devono presentare presso gli uffici di segreteria valida certificazione del Centro Riabilitativo con indicati i giorni e gli orari preposti alla terapia. Le uscite che hanno carattere continuativo per effettuare terapie in orario scolastico, concesse dal D.S., non necessitano autorizzazione del referente di plesso, ma solo trascrizione sul registro di classe, previa richiesta del collaboratore scolastico.
  • Qualora il delegato non sia riconosciuto dall' alunno ovvero il personale, per qualsivoglia motivo, abbia dubbi sulla sua identità, la scuola non rilascerà l'allievo se non dopo essersi messa in contatto con la famiglia.
  • Gli alunni escono vigilati dagli insegnanti che in tale compito sono coadiuvati dai collaboratori scolastici.
  • Al termine delle lezioni i docenti di tutti i segmenti accompagnano gli alunni fino all’ingresso; i genitori attendono gli alunni  fuori per evitare problemi di funzionalità.
  • I genitori degli alunni di scuola Primaria e dell’Infanzia devono prelevare i propri figli entro l’orario stabilito. Qualora ciò non avvenga l’alunno viene affidato al collaboratore scolastico in servizio. Prolungati e reiterati ritardi comportano la convocazione dei genitori per un colloquio esplicativo fatta salva la possibilità di richiedere l'intervento dei Servizi Sociali Territoriali.
  • Al termine delle lezioni l’uscita degli alunni avviene secondo le esigenze di ciascun plesso: per la scuola Primaria escono prima le classi quinte poi le quarte e così via di seguito; per la scuola Secondaria di I grado le classi escono nell’ordine di ubicazione secondo le vie di esodo oppure dall'ingresso principale.
  • Uscendo per il corridoio, per le scale e nell’atrio, gli alunni in fila per uno, non devono gridare, né correre, né spingere.

 

Assenze, ritardi e giustificazioni

  • Gli alunni devono giustificare le assenze. Nella scuola Primaria la giustificazione avviene prevalentemente mediante accompagnamento dei genitori o attraverso giustificazione scritta. Nella scuola Secondaria di I grado la giustificazione sul libretto dovrà recare la firma di uno dei genitori o di chi esercita la patria potestà, al rientro a scuola. Nel caso in cui la giustificazione non avviene nei 3 giorni successivi alla ripresa della frequenza, il docente disporrà l’accompagnamento dell’alunno da parte di un genitore o di chi esercita la patria potestà.
  • Non saranno accettate giustificazioni presentate su diari, quaderni o fogli volanti.
  • Le assenze superiori a 5 giorni che comprendono anche il sabato, la domenica e le festività, devono essere giustificate anche con certificato medico, come da norma.
  • In caso di inabilità temporanea dell’alunno (es. punti di sutura,  ingessatura o altro), al fine di garantire l’incolumità dello stesso, l’istituto concorderà con la famiglia le opportune modalità di partecipazione e frequenza alle lezioni
  • Assenze prolungate e non giustificate, configurabili nella scuola Primaria e Secondaria di I grado come inadempienza all’obbligo scolastico, sono contestate ai genitori e segnalate alle competenti autorità; il Dirigente Scolastico, in ogni caso avrà la facoltà nella scuola dell’Infanzia e il dovere in quella Primaria e Secondaria di I grado di chiedere spiegazioni ai genitori in caso di assenze ripetute e prolungate. In assenza di tali giustificazioni sarà data comunicazione ai Servizi Sociali per quanto previsto dalla normativa vigente.
  • Le assenze di massa non sono consentite, influiscono sulla valutazione del comportamento e vanno comunque giustificate.
  • Il numero delle assenze annuali non può superare un quarto del monte ore annuale delle lezioni, secondo quanto previsto dall'articolo 11, comma 1, del decreto legislativo n. 59 del 2004, e successive modificazioni, ai fini della validità dell'anno scolastico e per la valutazione degli alunni. Per casi eccezionali, certi e documentati, il Collegio dei Docenti stabilisce motivate e straordinarie deroghe al tetto massimo di assenze a condizione, comunque, che tali assenze non pregiudichino, a giudizio del consiglio di classe, la possibilità di procedere alla valutazione degli alunni interessati.
  • I genitori degli alunni dell’Infanzia e Primaria sono tenuti a rispettare gli orari di ingresso stabiliti dal Regolamento. Gli alunni della scuola Primaria e Secondaria in ritardo, oltre 10 minuti, sono ammessi in classe ma devono giustificare. Gli alunni della Secondaria devono giustificare sul libretto (sez. “giustificazione ritardo”). Ritardi troppo frequenti influiscono sulla valutazione del comportamento perché segno di insufficiente senso di responsabilità e di inosservanza del Regolamento.
  • L’ingresso posticipato per visita medica deve essere documentato con apposito certificato medico e deve avvenire al cambio dell’ora al fine di evitare disturbo al normale svolgimento delle lezioni.

 
 
 
Comportamento alunni

  • Gli alunni sono tenuti a frequentare regolarmente la scuola, assolvere agli impegni di studio, mantenere un comportamento corretto e collaborativo. Essi devono rispettare i compagni, i docenti, il personale ausiliario, il personale amministrativo, il capo d’Istituto allo stesso modo di come questi devono rispettare loro.
  • Gli alunni devono rispettare l’ambiente con particolare riguardo al proprio materiale didattico e agli arredi della classe/scuola (palestra, laboratori etc). Devono deporre i rifiuti, differenziandoli, negli appositi contenitori.
  • Gli alunni devono osservare le disposizioni organizzative e di sicurezza dettate dal regolamento sulla sicurezza.
  • Non è consentito l’uso del telefono cellulare in aula,  all’interno della scuola e durante le uscite didattiche, in quest'ultimo caso, salvo diverse disposizioni. In caso contrario, il docente di classe provvederà a ritirare il cellulare  che sarà riconsegnato esclusivamente ai genitori. Per necessità urgenti sarà la scuola a contattare le famiglie.
  • Gli alunni devono attendere il cambio del docente in classe e, in nessun caso, possono lasciare l’aula senza autorizzazione dei docenti.
  • Gli alunni possono fare uso dei servizi igienici dalla seconda ora fino ad un'ora prima del termine delle lezioni sorvegliati dai collaboratori scolastici; alla prima e all’ultima ora sarà permesso di uscire solo in casi eccezionali. Escono uno alla volta nel caso della primaria e secondaria di primo grado e organizzati in fila  nella scuola dell'infanzia ove è possibile.
  • Durante l’intervallo, dalle ore 10.50 alle ore 11.00, gli alunni della secondaria non possono lasciare l’aula e devono assumere un comportamento corretto e rispettoso delle regole; sono consentite un massimo di due uscite al giorno che verranno segnate, a cura del docente, su un apposito foglio di cui ogni classe sarà dotata; per quanto riguarda la scuola primaria l'intervallo viene utilizzato per il consumo della merenda, nonché per l'uscita in bagno.
  • È vietato trattenersi nei bagni per telefonare con il proprio cellulare o infastidire i compagni.
  • Gli alunni della scuola dell’Infanzia e Primaria devono indossare una divisa composta da pantaloni blu e maglietta bianca duranti i mesi più caldi. Tale abbigliamento è sostituito dal classico grembiule blu per i maschietti  e bianco per le femminucce durante i mesi invernali per la primaria e dal grembiule azzurro e rosa per l’infanzia. In ogni caso è necessario vestire i bambini in modo pratico, con tute e scarpe a strappo, affinché stimolati all’autosufficienza e all’autonomia (evitare body, salopette, bretelle, cinture…).Gli alunni della scuola Secondaria devono vestire in maniera decorosa e consona all’ambiente scolastico.
  • Gli alunni devono mantenere il posto assegnato dai docenti.
  • È vietato masticare chewing-gum e consumare merende e bevande fuori orario.
  • Gli alunni devono portare esclusivamente il materiale scolastico necessario e non oggetti estranei all’uso scolastico o comunque pericolosi per sé e/o per gli altri. Non è consentito, in occasione di compleanni o feste, portare cibi o bevande non industriali.
  • È consentita l'assunzione dei farmaci a scuola per gli alunni della Secondaria dagli stessi, su richiesta formale della famiglia e a fronte di un certificato medico attestante lo stato di malattia.
  • Nei confronti degli alunni che dovessero recare offesa o disturbo a docenti, personale ausiliario o compagni saranno presi provvedimenti, fino alla sospensione dalle lezioni, previa comunicazione ai genitori o a chi esercita la patria potestà.
  • Le sanzioni disciplinari sono sempre temporanee, proporzionate alla infrazione disciplinare e ispirate, per quanto è possibile al principio di riparazione del danno. Esse tengono conto della situazione personale dello studente. Le sanzioni previste per le infrazioni disciplinari sono contemplate nell’allegato “Infrazioni e Sanzioni Disciplinari”.

 
 
Incontri docenti/genitori

  • In aggiunta ai colloqui stabiliti con i genitori dal Piano delle Attività, (colloqui scuola-famiglia e consegna Schede di Valutazione), se ne prevedono altri eventuali richiesti dai genitori, previo appuntamento. Sul sito sono esposte le tabelle indicanti i singoli ricevimenti dei docenti della Scuola Secondaria.
  • Durante le ore di lezione non è consentito l’ingresso nelle classi ai genitori e alle persone esterne alla scuola. L’eventuale consegna di materiale didattico o di qualsiasi  genere deve essere affidata ai collaboratori scolastici. Nei locali scolastici non devono essere diffusi volantini o altro materiale riguardante spettacoli, corsi, concorsi etc. se non autorizzati dal Dirigente.
  • È fatto divieto assoluto a tutti di fumare nei locali della scuola e nelle relative pertinenze - cortili, giardini, parcheggi - (Decreto n. 104 del 12/09/2013). I trasgressori saranno sanzionati come previsto dalla normativa vigente con multe comprese tra 55,00 e 250,00 €.

 
 
Scarica il regolamento:

Sito realizzato da Carlo D'Ago sulla base del modello distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.

CMS Drupal ver.7.59 del 25/04/2018 agg.05/10/2018